Ultima modifica: 26 agosto 2017
LIMparo > Chi sono

Chi sono

Mi chiamo Anna Soldavini e sono un’insegnante di Scuola Primaria.
Lavoro all’Istituto Comprensivo “Benedetto Croce” di Ferno.
Sono interessata a tutto ciò che riguarda le nuove tecnologie e le loro applicazioni in campo didattico.  In passato ho collaborato con RCS con contributi per la rivista “L’Educatore online” e curando la parte online degli adozionali e delle guide Fabbri. In passato sono stata autrice di contenuti che si basano sulla metodologia EAS (Episodi di Apprendimento Situato)  per la rivista Scuola Italiana Moderna,  ora collaboro per la nuovissima rivista Essere A Scuola editrice Morcelliana.
Mi occupo anche di formazione per  Docenti web, con particolare attenzione alla LIM e ai programmi per sfruttarla al meglio. Collaboro con CREMIT di Milano (Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Informazione e alla Tecnologia, faccio parte della community sul metodo EAS e sono Ambassador Samsung all’interno del progetto Smart Future. Ho pubblicato un contributo nel testo di Pier Cesare Rivoltella Didattica Inclusiva con gli EAS (La Scuola, 2015) su EAS e Cooperative Learning. Attualmente è in stampa un libro che ho scritto in collaborazione con la dottoressa Francesca Gagliardi laureata in Scienze della formazione primaria su EAS e la Divina Commedia nella scuola primaria.

La mia passione più grande è quella di sperimentare nuovi programmi, applicazioni, di trovarne la valenza e l’applicazione in campo educativo e didattico e trasmetterle a docenti appassionati.

Questo sito è dedicato a tutti i miei alunni, anche a quelli oramai diventati grandoni che mi sono rimasti sempre nel cuore e ai miei colleghi, ai numerosi volti che ho incontrato in quasi  trent’anni di insegnamento e che mi hanno trasmesso le loro competenze e la loro voglia di insegnare. Ogni volta che li osservo al lavoro rimango piacevolmente colpita dall’energia, dall’entusiasmo, dalla creatività: guardandoli ho imparato tanto, ho preso spunto per migliorarmi e per crescere come insegnante e come educatore. Da qui la voglia di provare a condividere il frutto del mio lavoro.

 

 
 
 
Link vai su