Ultima modifica: 25 luglio 2015
LIMparo > Dropbox nella pratica

Dropbox nella pratica

Utilizzare dropbox con un indirizzo comune

La prima possibilità consiste nell’utilizzare una casella di posta elettronica creata dall’insegnante con cui registrarsi a Dropbox.
Gli alunni non vengono messi a conoscenza della password, ma possono accedere a Dropbox solo in aula informatica con la supervisione dell’insegnante che inserisce in ogni PC la password. All’interno della cartella, principale condivisa con l’indirizzo mail del docente, vengono create delle sottocartelle, una per ciascun alunno.
Una volta ultimato il lavoro, ciascun alunno provvede a caricare nella sua cartella il file

Vantaggi

  • salvaguardia dei dati
  • possibilità di accedere al proprio documento da postazioni diverse
  • tempi esigui per il salvataggio dei file
  • con la condivisione, il docente in pochi clic archivia nella sua cartella il lavoro di tutta la classe

Svantaggi

  • impossibilità per gli alunni di accedere da casa non conoscendo la pw
  • apprendimento collaborativo ridotto alla sola attività scolastica

Utilizzare dropbox con un indirizzo comune ma con password per tutti gli alunni

La seconda possibilità, simile alla prima, consiste nell’utilizzare una casella di posta elettronica creata dall’insegnante con cui registrarsi a Dropbox.
Gli alunni però vengono messi a conoscenza della password e quindi possono accedere ai loro dati sia da scuola che da casa.

Vantaggi

  • salvaguardia dei dati
  • possibilità di accedere al proprio documento da postazioni diverse
  • tempi esigui per il salvataggio dei file
  • con la condivisione, il docente in pochi clic archivia nella sua cartella il lavoro di tutta la classe
  • possibiltà per tutti gli alunni di accedere sia da scuola, sia da casa
  • possibilità di continuare la collaborazione tra gli alunni anche al di fuori della scuola

Svantaggi

  • impossibilità di monitorare le attività svolte dagli alunni: accedendo tutti allo stesso indirizzo, negli eventi il docente non riesce a visualizzare “chi ha fatto cosa” e quindi evitare che vengano cancellati file o inseriti file non graditi nello spazio comune con poche possibilità di risalire all’autore. Questo rischio è maggiore con alunni di scuola secondaria.

Utilizzare dropbox con una cartella del docente condivisa con gli indirizzi e-mail degli alunni.

La terza possibilità consiste nella registrazione di tutti gli alunni a Dropbox con il loro indirizzo mail personale. L’insegnante condivide con  tutta la classe una cartella in cui inserire lavori in comune ed eventualmente, con ciascun alunno, una cartella personale in cui ognuno può inserire compiti, elaborati, senza per questo mostrarli al resto della classe. A loro volta i ragazzi possono condividere delle cartelle con alcuni compagni con cui lavorare collaborativamente.

Vantaggi

  • salvaguardia dei dati
  • possibilità di accedere al proprio documento da postazioni diverse
  • tempi esigui per il salvataggio dei file
  • con la condivisione, il docente in pochi clic archivia nella sua cartella il lavoro di tutta la classe
  • possibiltà per tutti gli alunni di accedere sia da scuola, sia da casa
  • possibilità di continuare la collaborazione tra gli alunni anche al di fuori della scuola
  • possibiltà da parte del docente di monitorare tutto ciò che avviene nella cartella di lavoro condivisa consultando la sezione eventi
  • possibilità di verificare il lavoro collaborativo svolto tra i vari alunni
  • possibilità per il docente di raggiungere ciascun alunno e di caricare a seconda delle necessità, prove, richieste di compiti diverse da alunno ad
Link vai su